© 2015 Bogar Nagaraj

LAVORO PSICO-SPIRITUALE

Dove l’Oriente Incontra l’Occidente

KRIYA VAJRA YOGA
L’unione di Cielo e Terra

LEZIONI E INTENSIVI 2019

Settembre 2019

Ritiro Ineffable Stream

Angsbacka, Svezia

2-3 di Novembre 2019

Scoprire la Presenza Autentica

Barcellona, Spagna

Marzo 2020

Ritiro Ineffable Stream

Angsbacka, Svezia

Maggio 2020

Scoprire la Presenza Autentica

Barcellona, Spagna

Il Kriya Vajra Yoga è un cammino multi-livello che offre al praticante una formazione spirituale completa. Ho accuratamente selezionato dalle tradizioni di Shambala, del Buddismo Vajrayana, del Kriya Yoga e della Psicologia Occidentale gli insegnamenti e le pratiche che ritengo più rilevanti, per giungere ad un cammino spirituale che è tanto accessibile quanto potente. Nel Kriya Vajra Yoga, uno apprende a risvegliarsi alla propria presenza autentica, ad aprire il proprio cuore, a fare esperienza della potenza trasformativa del lignaggio spirituale, ed a dimorare nella beatitudine della propria natura ultima.

 

Ogni livello presenta nuove pratiche e nuovi insegnamenti, interconnessi con i livelli precedenti e da essi rafforzati. Per una comprensione più approfondita delle pratiche e degli insegnamenti presentati, si legga più avanti la descrizione sottostante i vari livelli.

 

Si noti che durante gli intensivi i temi di base rimangono sempre gli stessi, mentre altri elementi - compresi i vari lavori di tipo psico-spirituale ed altri elementi meno centrali - cambiano costantemente. Per tale ragione, qualsiasi livello può essere ripetuto senza alcun timore di incorrere in inutili ridondanze.

 

Livello 1: Scoprire la Presenza Autentica

 

Attraverso la pratica della meditazione, si impara ad essere completamente e saldamente connessi alla realtà. Iniziamo a scoprire che possiamo stare con noi stessi, proprio adesso, così come siamo.

 

Tutto il caos che c’è nel mondo è espressione diretta della mancanza di armonia interiore. Così come lottiamo con il nostro corpo, con le nostre emozioni, con il movimento naturale della nostra mente, allo stesso modo lottiamo nella vita domestica, nella società e nel mondo in generale. Il conflitto interno e quello esterno sono lo specchio l’uno dell’altro, e la strada per la pace non può che cominciare coltivando un’attitudine di fondamentale apertura a qualsiasi cosa accada.

 

La pratica della meditazione è uno strumento che può aiutarci a sviluppare questa attitudine di apertura, conosciuta come presenza autentica. Normalmente rifiutiamo ciò che non ci piace, e ci afferriamo a ciò che invece ci attrae. Questa abitudine, basata sulla speranza e sulla paura, ci mantiene in un costante stato di tensione, che si risolve solo apprendendo a non rifuggire da ciò che sperimentiamo, ed a viverlo, così per com’è. Non è possibile fare esperienza della presenza autentica a livello intellettuale: dobbiamo sentirla, viverla, respirarla. La meditazione ci libera gradualmente dalla stretta presa della fissazione dualistica, e alimenta in noi l’abilità di vivere pienamente nel momento presente.

 

Durata: sabato tutto il giorno e domenica mezza giornata

Pratiche insegnate: Meditazione Seduta, Posture di Yoga

Prerequisiti: nessuno

 

Livello 2: RIsvegliare il Cuore

 

Tutti gli esseri umani sono, in modo innato, dei guerrieri. Il nostro coraggio si esprime attraverso la capacità di aprirci di fronte alla scomodità, e di amare ferocemente di fronte all’aggressione.

 

Siamo stati educati a credere che la comodità sia buona, e che la scomodità debba essere evitata. Siamo come sotto l’effetto di un farmaco che non ci fa sentire. Accogliamo l’aspetto ipnotico della felicità, e rifiutiamo il dolore. Tuttavia, come ben sappiamo, la sofferenza è inevitabile. In che modo trasformarla, allora? Molti di noi si contraggono, ogni volta che la propria zona di comfort viene minacciata. Ma col passare del tempo questa abitudine ci induce a spegnere il cuore, minando così la capacità che abbiamo di amare profondamente e di vivere totalmente. È forse la più grande tragedia che possa capitare a un essere umano: tuttavia, la maggioranza di noi vive con il cuore ben protetto da tutto e da tutti.

 

In questo tipo di intensivo di fine settimana, si apprendono specifiche pratiche che ci aiutano ad aprire il cuore completamente. In primo luogo, si procede gettando le fondamenta della meditazione seduta. In seguito viene integrata la pratica del tonglen, una tecnica potente proveniente dalla trazione Mahayana del Buddismo. Nel tonglen, colui che medita apprende ad aprirsi al dolore e ad offrire amore, attraverso la respirazione e l’intenzione. Infine, si apprende a portare questa pratica nella nostra vita quotidiana. Affrontando qualsiasi aspetto della nostra vita con una compassione pienamente desta e consapevole, sarà possibile aprire il cuore e liberarci dalla sofferenza non necessaria.

 

Durata: sabato tutto il giorno e domenica mezza giornata

Pratiche insegnate: Meditazione Seduta, Tonglen, Posture di Yoga

Prerequisiti: nessuno

 

Livello 3: Invocare il Lignaggio - Iniziazione al Kriya Kundalini Pranayam

 

L’amore incondizionato è la nostra origine, ed un nostro diritto divino dalla nascita. Ed è il destino di tutti noi quello di fare ritorno a casa. Attraverso la totale libertà, l’amore trova la sua espressione più autentica.

 

Molti di noi credono che la nostra condizione sia quella di essere esistenzialmente soli. Attraverso l’invocazione del lignaggio spirituale, scopriremo una connessione con una forza energetica d’amore incondizionato che ci appoggia nella nostra evoluzione. Infatti, la verità della nostra solitudine co-esiste con questa protezione energetica, sempre disponibile e sperimentabile da tutti in qualsiasi momento, attraverso una sintonizzazione che avviene quando il cuore è aperto. Il lignaggio spirituale non è una religione, non richiede l’adesione ad alcun credo; non vi è alcun dogma, né vi sono regole da seguire. Come uno strumento musicale, la coscienza umana può essere accordata su qualsiasi frequenza o lunghezza d’onda. Esistono molte frequenze d’onda: nel momento in cui amiamo, vibriamo ad una certa frequenza, quando invece siamo preda della rabbia, la nostra vibrazione cambia. Invocare il lignaggio spirituale ci insegna ad accordarci su una specifica frequenza d’onda, il cui unico scopo è quello di appoggiarci nel nostro viaggio.

 

Mediante la pratica del Kriya Kundalini Pranayam, possiamo accelerare notevolmente il nostro progresso spirituale. Di fatto, non siamo costituiti solo da un corpo fisico, ma anche da un corpo sottile: è attraverso nervi e canali sottili di quest’ultimo che scorre la nostra energia, il cosidetto ch’i. Con la pratica del Kriya Kundalini Pranayam si apprende a guidare l’energia universale all’interno di alcuni specifici canali sottili, la cui attivazione ci porta a sperimentare stati di coscienza espansi. Attraverso una pratica quotidiana, ci liberiamo da abitudini mentali ed emozionali limitanti e sviluppiamo la capacità di dimorare nella beatitudine della nostra natura ultima.

 

Durata: sabato tutto il giorno e domenica mezza giornata

Pratiche insegnate: Meditazione Seduta, Mantra, Kriya Kundalini Pranayam, Posture di Yoga

Prerequisiti: livello 2 e permesso dell’insegnante

 

 

OM SHANTI SHANTI SHANTI!